'Ticking-off' Huntercombe

Robin Hiseman

21 settembre 2011
Robin Hiseman
Progettista

EGD può ringraziare mia madre-in-legge per la possibilità di sperimentare Huntercombe. Lei non ci visita molto spesso, ma su un week-end non molto tempo fa la sua presenza significava che ero in grado di rubare per quella più preziosa di esperienze, un gioco crepuscolo Domenica. Non essendo un membro di un club da queste parti, stavo guardando il pagamento di una tassa verde da qualche parte. La scelta più ovvia è stata la pista pay-and-play locale. Perfettamente adeguata e un prezzo decente, ma decisamente insoddisfacente. Fastidioso alla mia mente era il fatto che per nigh su 20 anni avevo in mente di spuntare Huntercombe la mia lista di giochi must. Da quando guida passato nel 1992 con i miei ex colleghi a Hawtree sul nostro modo di giocare Billingbear Parco, completato da ripetuti solleciti per gentile concessione della fotografia iconica nel golf progettazione bibbia di Fred Hawtree, questo storico corso Willie Parco Junior era stata definitivamente sul mio radar, ma non era mai apparso del tutto entro i miei orizzonti golf. Infine, qui è stata l'occasione per affrontare questa omissione. E 'stato un bel pomeriggio e la pro aveva confermato il corso avrebbe preso la mia green fee, quindi entro 50 minuti di voce fuori dal vialetto, mi è stato tee che sulla bizzarra par 3 opener. 5 minuti più tardi, dopo quello che io sono informato è il consueto 3-putt, sono stato bene per la mia strada. E 'stata una buona scelta. Huntercombe è incredibile.

Raramente ho giocato un corso che è stato così coinvolgente per ogni singolo colpo. C'era sempre una decisione da prendere; un rischio da valutare; una scelta su come giocare il colpo successivo. Topping fuori era un insieme di alcuni dei più interessanti superfici mettere mai concepiti. Questo è un disegno che è rimasta praticamente immutata dalla Willie Parco Junior posò il corso nel 1900-01 o meno nello stesso momento in cui stava progettando Sunningdale. Più di un secolo dopo il corso è ancora un'esperienza accattivante per il golfista moderno. Tutto questo su un percorso tracciato su un terreno modesto su un sito compatto. C'è molto che il moderno architetto di golf può imparare dallo studio di un corso come questo, più precisamente di cosa si tratta il progetto che ha dato corso un appello in modo duraturo che è rimasta in gran parte conservato per 110 anni?

Con questo in mente sono tornato in ufficio progettazione EGD il giorno successivo e ha suggerito che cerchiamo di organizzare un viaggio di studio a Huntercombe. In generale, ottenendo più di due di noi nello stesso luogo allo stesso tempo è un compito simile a gatti pastorizia, ma in questa occasione e forse incoraggiato dalla prospettiva di un giro decente di golf, cinque di noi sono stati in grado di impegnarsi a rendere il viaggio. Ho fatto le modalità attraverso geniale e molto utile segretaria di Huntercombe, Nick Jenkins ed entro un paio di settimane eravamo fuori dalla porta presto un pomeriggio e voce fino alle Chilterns. Nick era molto gentilmente organizzato per Course Manager Neil McCarthy-Primett per accompagnare noi su un tour a piedi del corso prima del nostro gioco. Neil è stato al Huntercombe per anni e quindi era in grado di riempirci con una ricchezza di informazioni per completare il nostro studio del layout. Era la prima volta che o Jeremy, Ross, Dave e Alex avevano mai visto il corso e penso che posso scrivere in modo sicuro sul loro conto che erano tutti impressionati con tutto quello che hanno visto.

Per me è la complessità del design che lo contraddistingue. Ovunque si guardi ci sono gobbe, dossi, buche e avvallamenti. Spesso questi pericoli devono essere colpiti oltre ad un certo punto durante il viaggio dal tee al green. Altre volte essi custodiscono gelosamente i fianchi. Non possono che essere ignorati. Battitori più lunghi avranno spesso per mantenere il driver nella sacca di sacrificare la lunghezza per la precisione, che è probabilmente il motivo principale per cui è ancora un progetto relative a questa giornata. L'integrità e la lunghezza dei colpi di approccio è stato conservato dalla necessità di tenere la palla fuori dei pericoli feroci dal tee. Ha sicuramente sfumature penali, coerenti con il tempo è stato concepito. Questa non è una brutta cosa. Neil ha raccontato il fatto che il club aveva dovuto reindirizzare il 6 ° fairway lontano da una strada parallela e come, così facendo, era stato costretto, suo malgrado, per riempire una delle voragini. Questo è un club che conosce e onora il valore della sua progettazione del corso. Alcuni dei verdi sono pezzi da museo classici. L'8 è l'ovvio esempio vetrina. Un gigante a quattro livelli piede separa il verde in due zone distinte, con il livello superiore stretto poi inclinato via alla parte posteriore del green. Controlla la tua copertura assicurativa della responsabilità civile se avete mai provato a farlo in questi giorni! Forse l'unico aspetto negativo per il modo in cui il corso si è evoluto è che ora è troppo soffocato con alberi e sottobosco stentata. Gli alberi campione sono bellissimi, ma la Clag colonizzazione di spessore tra lo rende piuttosto un oscuro, naturalmente racchiuso in posti. Verso la fine della giornata, il sole scoppio spettacolare attraverso le pesanti, cielo coperto, ma i raggi del sole non ha mai avuto la possibilità di illuminare i fairway.

Abbiamo arrotondato la giornata con un paio vivace di 2-palle. Jeremy rispolverato Dave (contro le probabilità) e Alex e io condiviso una partita dimezzato combattuta. Huntercombe era una gioia e una visita essenziale per chiunque abbia un interesse per la progettazione di campi da golf. Ogni architetto che può replicare il fascino duraturo di Huntercombe nei loro progetti è su un vincitore. Sono sicuro che tutti noi abbiamo avuto alcune idee nei nostri armadietti a seguito del nostro viaggio. Speriamo che, più viaggi di studio EGD seguiranno. Mi piacerebbe portarli a Painswick. Ora che sarà un apri gli occhi!

Sopra: Course Manager Neil McCarthy-Primett (sinistra) spiega la strategia del foro da 18 a Dave e Alex.

Sopra: mounding e bunker Alpinised circondano il verde del lungo par 3 buca 7.

  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter
  • email
  • Reddit
  • RSS
  • Technorati
 
1 Commento »
  1. Nizza rapporto, Robin. Adoro quel posto, è un museo di golf primi 20 ° secolo, ma straordinariamente attuale. I primi quattro green sono a dir poco incredibile! Hai ragione circa i battitori più lunghi lasciando il driver nella sacca; Philip G bombardato tre ferri dal tee per tutto il giorno, ben oltre le nostre palline tee patetiche. Ho fatto lo stesso commento come voi circa gli alberi, ma i membri che ci sia un sacco di larghezza nei corridoi.

    Commento di Bill McBride - 22 SETTEMBRE 2011

Lascia un commento